L’elaborazione polifonica di melodie popolari

L’elaborazione polifonica di melodie popolari

di Francesco Milita

Il primo passo, quando si è alle prese con materiali melodici semplici e arcaici, è scoprirne la forza segreta, l’energia quiescente che si cela al loro interno, poiché il canto popolare è l’insieme di tante cose: di desideri, di parole, di ricordi, di emozioni.

Personalmente, penso che ogni qualvolta se ne utilizzino le potenzialità, per dar vita a qualcosa di nuovo, si compia un gesto d’amore nei riguardi di tutta la musica, in generale.

Un raffinato lavoro di elaborazione, non potrà prescindere dall’attenta analisi dei materiali musicale e testuale tanto che, a tal proposito, mi sentirei di suggerire a coloro i quali si avvicinassero a questa pratica compositiva, l’atteggiamento francescano del: “non il sole, non la luna, ma la luce che è in essi”…

La quantità di particolari evidenziati da una buona analisi speculativa, fornirà l’humus necessario al libero fluire della nostra immaginazione musicale.

I tre brevi saggi che seguono riguardano delle elaborazioni pensate per coro maschile “popolare” e rappresentano altrettante modalità di approccio compositivo – creativo.